Torna alla pagina: Home

Piattaforma provvisoria Stazione RBS Berna

20.09.2018 - 12:30

Descrizione del progetto

Piattaforma d’accesso in zona binari al cantiere per la realizzazione della nuova stazione sotterranea RBS a Berna.

Caratteristiche tecniche

Dimensioni:
L = 240 m, L = 25 m, superficie  ca. 3'000 m2
Acciaio ca. 1’200 Ton
Piattabanda in lastre di calcestruzzo  3'000 m2

Descrizione tecnica

Nell’ambito dell’ampliamento della stazione centrale di Berna si prevedono importanti interventi, parte dei quali nel sottosuolo, quindi sotto la stazione attuale. Per poter effettuare queste operazioni di scavo è indispensabile disporre di un’area di cantiere da dove organizzare lo scavo e dove depositare il materiale risultante almeno transitoriamente. A tale scopo si prevede la realizzazione di un piano rialzato sopra alla linea di contatto.

La struttura, formata da colonne di acciaio e travi orizzontali, sarà posta in parte sopra il campo stradale e in gran parte sopra il tracciato ferroviario in modo da poter operare mantenendo in esercizio anche questa zona di stazione. Una rampa collegherà la piattaforma di lavoro con Via Laupenstrasse e quindi con la rete viaria cittadina.

Concepita per restare in funzione per tutta la durata del cantiere, circa 8 anni, dovrà essere terminata entro la fine del 2018. Evidentemente anche il montaggio di questa infrastruttura dovrà intralciare il minimo possibile la viabilità ferroviaria e quella stradale per cui gran parte degli interventi saranno notturni e durante il fine settimana. Il piano di scorrimento della piattaforma è formato da lastre in calcestruzzo termo-riscaldato in modo di permettre l’accessibilità con gli autocarri anche durante il periodo invernale. Il perimetro della piattaforma è delimitato da barriere di sicurezza che garantiscono la ritenuta degli autocarri e da protezioni foniche che ridurranno l’impatto ambientale del cantiere.

Da un’apposita botola, situata sulla piattaforma, saranno calate le attrezzature di scavo mentre il sollevato del materiale risultante avverrà con appositi nastri trasportatori.

La scelta vincente, in fase d’offerta, è stata quella di proporre una piattaforma mobile sopraelevata per poter eseguire un montaggio in sicurezza ma anche senza l’ausilio di attrezzature di sollevamento che avrebbero richiesto ulteriori sbarramenti del traffico ferroviario.

Si tratta di un’importante progetto, sia dal profilo quantitativo che da quello qualitativo, da svolgere in condizioni logistiche estreme visti i ridotti spazi a disposizione ma anche a causa degli intervalli di tempo ridotti in cui si può operare.

La versione del vostro browser è troppo vecchia per una visione ottimale del sito.