Stazione FFS Bellinzona: prende forma la nuova passerella

 

Si inizia a intravvedere la nuova passerella della stazione FFS di Bellinzona. A giugno sono state posate le torrette dei lift, nei due weekend appena trascorsi le due campate e nelle prossime settimane seguiranno le scale. I lavori termineranno a dicembre 2019, quando la passerella sarà agibile.

 

Si inizia a delineare il profilo della nuova passerella della stazione di Bellinzona: in giugno sono state installate le tre torrette che ospiteranno i lift, nelle notti tra il 14 e il 15 luglio e tra il 21 e il 22 luglio sono state posate le due campate e nelle prossime settimane è invece prevista la posa delle rampe delle scale. In autunno seguiranno poi i lavori di finitura e l’installazione dei lift, di modo che a dicembre 2019 la nuova passerella sia pronta per la clientela. I lavori sono iniziati nel mese di marzo 2019; le lavorazioni sono molto particolari, infatti l’assemblamento delle varie strutture e parti della nuova passerella viene eseguito direttamente in cantiere - una scelta dovuta alla particolarità del manufatto. Le fasi di montaggio sono state così ottimizzate e le varie strutture sono state posate con un’autogru. Le fasi di cantiere sono state anche coordinate con il vicino cantiere di Bellinzona San Paolo, sfruttando parte degli sbarramenti della linea previsti per questi lavori. Una coordinazione che ha permesso di ridurre i disagi per la clientela.

La nuova passerella pedonale è lunga circa 35 metri e larga 6 metri. Si tratta di una struttura a telaio in acciaio con colonne e vetri di sicurezza ai lati alti 2 metri. Collega i tre marciapiedi ed è anche l’accesso più pratico verso i binari per chi arriva in stazione con l’automobile perché si trova all’altezza del nuovo P+Rail. Grazie ai tre lift (uno per ogni marciapiede) e alle tre rampe di scale migliora l’accessibilità alla stazione e ne aumenta l’attrattività, in particolare per le persone con mobilità ridotta, le famiglie con bambini o per chi viaggia con le valige. Il nuovo manufatto è conforme alla Legge federale sull'eliminazione di svantaggi nei confronti dei disabili (LDis).

L’investimento ammonta a circa 4,2 milioni di franchi, integralmente a carico delle FFS.

Un ulteriore punto di accesso

Con la messa in esercizio delle nuove gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri è previsto un importante incremento dell’offerta per il Canton Ticino. Per far fronte a tale aumento, alla stazione FFS di Bellinzona sono stati ammodernati e potenziati gli accessi ai treni grazie a marciapiedi più lunghi e più alti e sono stati realizzati nuovi sistemi informativi, nuove pensiline e un nuovo lift a sud del terzo marciapiede. Si è inoltre intervenuti sulla tecnica ferroviaria per accrescere la capacità di transito dei convogli, con l’installazione di nuovi scambi e nuovi segnali. Con marciapiedi più lunghi - ai binari 1, 2 e 3 è ora possibile accogliere treni del traffico a lunga percorrenza lunghi fino a 420 m – per la clientela è importante poter accedere comodamente sull’intera lunghezza dei nuovi marciapiedi. Per aumentare il comfort si è quindi valutata la realizzazione di un nuovo punto d’accesso pedonale a nord, all’altezza del nuovo P+Rail: in questo modo anche da qui l’accesso e gli spostamenti tra un binario e l’altro sono più comodi, pratici e veloci.

 

Testo e parte delle foto tratti dal sito https://news.sbb.ch/it/media dove è possibile visionare anche un breve video sull'evoluzione dei lavori.

 

Testo: Roberta Trevisan  |  Foto FFS: Massimo Pedrazzini

Foto Officine Ghidoni SA: Alice Rossi